Accedi Iscriviti

Accedi

Accedi con uno dei tuoi account social...

...o con il tuo account EurActiv

EurActiv.it

Gli esperti di Bruxelles confermano i parametri della direttiva 2009/48/CE sulla sicurezza dei materiali per giocattoli.

Toys - Pixabay

Il Comitato scientifico indipendente sui rischi sanitari e ambientali (Scientific Committee on Health and Environmental Risks, SCHER) della Commissione europea ha pubblicato il proprio parere definitivo sulla stima di materiale per giocattoli ingerito normalmente dai bambini.

Nello specifico, al Comitato è stato richiesto di valutare se le quantità di materiale previste dalla direttiva 2009/48/CE sulla sicurezza dei giocattoli siano da considerarsi ancora adeguate. Tali quantità costituiscono, infatti, le basi per il calcolo dei limiti di migrazione da giocattoli o da loro componenti previsti sempre dalla normativa Ue per 19 sostanze chimiche.

Sulla base dei dati disponibili pubblicati sul tema dal 2008 ad oggi, gli esperti di Bruxelles hanno confermato le quantità previste dalla direttiva. E cioè:

  • 100 mg al giorno per materiale per giocattolo secco, fragile, in polvere o flessibile;
  • 400 mg al giorno per materiale liquido o gelatinoso/colloso,
  • 8 mg al giorno per materiale rimovibile dal giocattolo mediante raschiatura.

Il comitato ha ritenuto, inoltre, che sia preferibile considerare le quantità in termini giornalieri, piuttosto che settimanali.